scroll

Programmatic: nuova frontiera del marketing online

i2M Factory - 21 maggio 2015

Un gruppo di scienziati della NASA, lo stesso che pianifica le missioni su Marte, ha un progetto in campo: migliorare la Programmatic advertising, grazie ad un sistema in grado di analizzare i Big Data e adattare le strategie marketing (e pubblicitarie) alle esigenze del cliente, in tempo reale

Sembrerebbe essere questa la nuova frontiera del marketing online: leggere i dati che ciascun internauta si porta dietro, memorizzarli, e adattarli in tempo reale a ciò che il soggetto vive in un dato momento. I fattori presi in considerazione valutano il clima esterno nella città di riferimento, le abitudini d’acquisto dell’utente, i siti e le ricerche svolte più frequentemente, gli orari di maggiore presenza in rete dell’utente in questione, si va dalla informazioni più generiche a quelle più specifiche.

Programmatic advertising:

Il programmatic è una tecnologia che consente lo scambio, anzi il trading (espressione anglosassone che significa “negoziazione digitalizzata”, negoziazione telematica di titoli spesso finanziari) di spazi pubblicitari tra advertiser (compratori) e publisher (venditori). Un marketplace di scambio in real-time dedicato agli spazi pubblicitari online.

Programmatic, la scia di dati sul web e la personalizzazione dell’offerta:

Il software e la programmatic advertising esistono da qualche tempo. L’idea che lo caratterizza è semplice: utilizzare i dati raccolti sul web per programmare e ottimizzare le campagne pubblicitarie, personalizzando l’offerta per ogni singolo utente, in base ai Big Data raccolti attraverso le sue esperienze di navigazione.
Profili social e gli interessi dei singoli consumatori, informazioni generiche e specifiche vengono utilizzate per ottenere la massima efficacia nelle strategie che si attuano. Un sistema che permette di adattarsi agli interessi dei consumatori: per esempio, dopo aver cercato su vari portali libri su un determinato argomento o autore, le pagine web che visiteremo saranno ricche di libri di quello stesso autore o genere ricercato in precedenza.

 

Programmatic e la nuova frontiera del marketing online:

L’evoluzione di Programmatic, quella che ci interessa, permette di andare oltre questi semplici meccanismi. Su IlFattoQuotidiano.it, Bill Simmons, ingegnere aerospaziale e co-fondatore di DataXu, una società specializzata in marketing online creata da un gruppo di scienziati che hanno pianificato le missioni su Marte della NASA, spiega in modo dettagliato e preciso la nuova frontiera del marketing online:

“Internet fornisce moltissime informazioni che possono essere applicate al marketing. La quantità di dati che abbiamo a disposizione, però, è tale che i normali sistemi non sono in grado di sfruttarne a fondo le potenzialità. Per questo abbiamo pensato di applicare al marketing le tecniche che abbiamo sviluppato per le missioni NASA su Marte. L’idea di base è quella di affidare le scelte sulla collocazione della pubblicità a un sistema che è in grado di apprendere da solo come le persone reagiscono alle pubblicità, adattando in tempo reale le strategie di marketing. Gestire il lancio di un razzo richiede un sistema che permetta di eseguire rapidamente migliaia di correzioni per mantenere la traiettoria ideale. Abbiamo pensato che lo stesso sistema potesse essere applicato anche alla pubblicità online. I nostri sistemi processano 2 Petabyte(2.147.483.648 megabyte) di dati al giorno, prendendo 1,5 milioni di decisioni al secondo per garantire il miglior collocamento delle pubblicità sul web. I dati comprendono le preferenze e i comportamenti dei singoli consumatori, ma anche altre informazioni. Sappiamo che le persone sono più portate ad acquistare un viaggio quando nella loro città c’è brutto tempo, mentre saranno propense ad acquistare un paio di occhiali da sole quando il tempo è bello. Ma i fattori considerati sono molti di più. Nel caso dei servizi di consegna della pizza a domicilio, per esempio, il sistema valuta tutti i fattori che possono rendere più appetibile il messaggio: se ci sono eventi sportivi in programmazione in TV, qual è il clima in quel momento nella città del potenziale consumatore e qual è l’orario più adatto per visualizzare la pubblicità”.