scroll

Android N: le novità del nuovo aggiornamento

Silvia Risitano - 14 marzo 2016

Android N è stato presentato agli sviluppatori. Ecco raccontate tutte le novità che arriveranno la prossima estate su tutti i dispositivi che montano sistema operativo mobile Android.

Da Jelly Bean a Kitkat passando per Lollipop e Marshmallow, Android N è la nuovissima versione del sistema operativo mobile più diffuso al mondo.

Pensata e migliorata sui feedback degli utenti e degli sviluppatori, ma tenendo sempre presente la versatilità dei dispositivi di ultima generazione, Android N si è presentata nei giorni scorsi, al pubblico formato principalmente da sviluppatori.
Quella di cui stiamo parlando ovviamente, è la prima versione beta del nuovo SO, cioè quella versione che non è ancora terminata e che ha buone possibilità di BUG e con un alto indice di instabilità. Molte le novità inserite e altrettante migliorie effettuate, ma per la versione finale, dobbiamo aspettare ancora qualche mese, perché sarà disponibile su dispositivi nativi android come il Nexus 6, il Nexus 5X, il Nexus 6P, il set-top box Nexus Player e il loro tablet Nexus 9, solamente in estate, mentre per tutti gli altri, toccherà aspettare l’autunno.

Passiamo quindi ora ad elencare tutte le novità di questa nuova versione di Android:

1 – Il nome non è poi così tanto una novità, perché uscito con il nome beta di Android N, questo nuovo sistema operativo mobile, avrà per la prima volta, un nome, certo si sempre ispirato ad un dolce, ma scelto dai propri utenti. Già quindi si parte al toto-nome, anche se il più gettonato tra tutti dopo KitKat e MarshMallow è vista la N della versione beta, Nutella.

2 – Passando alle novità digitali, la prima riguarda la multifacciata anzi la multi-schermata che attenderà tutti i dispositivi android, chiamata Split Screen. È una funzionalità che farà in modo che lo schermo del cellulare si divida in due schermata. Sempre legata allo Split Screen è la funzione picture-in-picture, che darà la possibilità all’utente di rimpicciolire la schermata in uso ad un riquadro piccolo così da poterne visionare una seconda in full screen.

3 – Le notifiche sono un altro dei punti che si è migliorato. Gli aggiornamenti per le notifiche, in verità, sono esattamente due. La prima che già è stata testata con il messenger, riguarda la possibilità di rispondere ai messaggi senza dover aprire l’applicazione. La seconda, invece,  è la funzione (denominata Notification Bundling) di poter raggruppare le notifiche in una sola.

4 – Altra grandissima novità è il Quick Setting cioè la possibilità di poter personalizzare come più ci aggrada il menù delle notifiche. Dove prima con un semplice slide verso il basso, potevamo attivare e/o disattivare solamente cinque funzioni, adesso con Android N possiamo inserirne quante ne vogliamo.

5 – Data Saver è una delle funzionalità più utili tra quelle introdotti in Android N. Con Data Saver si avrà la possibilità di ottimizzare il consumo di dati quando si è connessi al network mobile, limitandone l’uso delle app in background.

6 – A grande richieste torna la funzione notturna, che non è altro che la modifica della palette di colori, andando ad adattarsi agli ambienti notturni.

7 – Viene inserita la modalità DOZE, cioè l’ottimizzazione del consumo di batteria quando il dispositivo è completamente immobile. Restando nel tema del risparmio energetico, un’altro importante aggiornamento fatto in Android N è quello del Project Svelte, che andrà a ridurre al minimo l’uso della batteria in determinate situazione come ad esempio la registrazione di un video o lo scatto di una fotografia.

Infine l’ultima grande novità di questo sistema operativo mobile è la il System UI TUNER cioè la possibilità di attivare e disattivare la modalità NON DISTURBARE direttamente dai tasti volume del proprio dispositivo mobile. Ci basterà abbassare il volume del cellulare per attivare questa modalità.