scroll

Fordham University con i2M Factory per High Tech Humanitarians

Giovanni Stracquadaneo - 18 marzo 2016

The High Tech Humanitarians porta l’innovazione tecnologica a portata di tutti con la Fordham University of New York e i2M Factory.

High Tech Humanitarians è la prima piattaforma libera per l’innovazione umanitaria open source, promossa dalla Fordham University of New York e sviluppata con la partnership di i2M Factory, con il coordinamento del direttore del progetto, Giulio Coppi, dell’università americana nell’ambito dell’innovazione umanitaria.

High Tech Humanitarians consente l’accesso universale alla tecnologia che cambia la vita. La struttura semplice è concepita per facilitare l’accesso da qualsiasi tipo di dispositivo, anche se in esecuzione su una connessione molto lenta, ovvero per consentire l’accesso alle tecnologie open source nei paesi in via di sviluppo, nelle zone di conflitto o nelle aree post disastro.
La piattaforma si compone di due principali sezioni: Toolbox e Labs.

The High Tech Humanitarians porta l'innovazione tecnologica a portata di tutti con la Fordham University of New York e i2M Factory.

I Toolbox sono un grande archivio delle principali tecnologie open source accessibili a livello mondiale, mentre i Labs sono il cuore pulsante dell’innovazione umanitaria 2.0.
La i2M Factory ha sviluppato un ERP e il CRM del cuore pulsante di High Tech Humanitarians, attraverso la piattaforma Open Source ODOO.

Con HTH è possibile gestire un’intero ciclo di progetto per lo sviluppo di innovative tecnologie e soluzioni da adottare nell’ambito umanitario con un sistema di collaborazione web based.

The High Tech Humanitarians porta l'innovazione tecnologica a portata di tutti con la Fordham University of New York e i2M Factory.

Quella promossa è il primo esperimento a livello mondiale di collaborazione sullo sviluppo di tecnologie open source attraverso una piattaforma web, sotto il patronato di un prestigioso istituto accademico, per la promozione e l’accessibilità delle “frugal technologies” per i cicli di “life-saving” e “life-changing” nei processi di adozione di nuovi soluzioni tecnologiche.