scroll

Fino in Fondo: per l’accesso all’informazione

Silvia Risitano - 8 aprile 2016

Appuntamento Domenica 10 Aprile 2016 dalle ore 10,30 alle ore 11,30 presso la Sala del Dottorato di Perugia per la presentazione di Fino in Fondo, il primo fondo per sostenere l’accesso all’informazione.

Nella prestigiosa cornice del Festival Internazionale del Giornalismo, giunto alla decima edizione, Ernesto Belisario, avvocato e scrittore, Guido Romeo, co-fondatore di “Diritto di Sapere” ed Helen Darbishire, presidente AccessInfo Europe, presenteranno Fino in Fondo il primo fondo italiano completamente finanziato in crowdfunding per sostenere le azioni legali di giornalisti, cittadini e associazioni per difendere ed espandere il diritto di accesso all’informazione.

Partner tecnologico è la digital agency i2M Factory che ha creduto e sostenuto fin da subito l’iniziativa, offrendo lo sviluppo della piattaforma a titolo gratuito. Il progetto non rappresenta solo la costruzione di un fondo per sostenere i ricorsi e le altre azioni legali di giornalisti cittadini e organizzazioni della società civile, su questioni di grande interesse per la società civile italiana e internazionale – dichiara Giovanni Stracquadaneo, CEO di i2M Factory – ma è un manifesto per la costruzione di una società democratica fondata sulla trasparenza e il diritto di accesso alle informazioni. L’Italia, rispetto alle democrazie avanzate del nord Europa, ad oggi non possiede un Freedom of Information Act, e auspichiamo che questa iniziativa, che sosteniamo con convinzione, possa essere un ulteriore passo per la sensibilizzazione dell’opinione pubblica e della politica.

Perché FINO IN FONDO?

Fino In Fondo è un progetto per sostenere cittadini, giornalisti e attivisti a cui è stato ingiustamente negato l’accesso a documenti, dati o informazioni dalle pubbliche amministrazioni e che si vedono costretti a fare ricorso al Tar o a gradi superiori di giudizio.

Perché il crowdfunding?

Perché i progetti sostenibili diventano uno strumento democratico nelle mani dei giornalisti e dei cittadini che vogliono poter trovare le informazioni che cercano. Fino in fondo crede che oltre a incoraggiare e sostenere, il “supporto dal basso” sia fondamentale per mettere in contatto comunità interessate alle stesse tematiche.

Come funziona?

Il 10 Aprile verrà aperta la piattaforma crowdfunding per la raccolta dei fondi aperta a donatori italiani e internazionali(obiettivo raggiungere 15,000 euro) attraverso l’associazione “Diritto di Sapere”.

Al centro del meccanismo di Fino In Fondo c’è un consiglio incaricato di scegliere quali casi verranno supportati e in che misura. I membri di questo organo non saranno remunerati e non percepiranno nessun compenso. Si impegneranno a dichiarare ogni loro possibile conflitto di interesse al momento delle valutazioni dei singoli casi.

Ernesto Belisario, avvocato, iniziatore di FOIA4Italy
Helen Darbishire, presidente Access ­Info Europe
Carola Frediani, giornalista, La Stampa
Antonio Gaudioso, segretario generale Cittadinanzattiva
Gianluigi Nuzzi, giornalista
Guido Romeo, presidente e co-fondatore di Diritto Di Sapere
Fiorenza Sarzanini, giornalista, Corriere della Sera
Sarah Varetto, giornalista, direttrice SkyTG24