scroll

Social Media History e altre novità

Silvia Risitano - 24 giugno 2016

Se i social sono il motore di questa modernità 2.0, è allora importante analizzare i vari comportamenti di cambiamento che sono avvenuti e che avvengono , nella cosiddetta ” Social Media History ” per comprenderli a pieno.

Anche se non sembra, la storia dei social network (Social Media History), ebbe inizio con l’invio della prima email che risale al, ormai lontano, 1971. Successivamente arrivarono i primi BBS (Black Board System) e dopo 10 anni IRC, precursore della messaggistica istantanea e diretta evoluzione del ben più conosciuto ICQ.

Tuttavia il primo vero social network della “Social Media History” prende il nome di SixDegrees (dalla teoria dei 6 gradi di separazione che afferma la possibilità che tra due persone lontane e sconosciute tra di loro esistono solamente 6 gradi di separazione ossia solamente 6 persone che attraverso le loro conoscenze arrivano a presentare questi due individui).

Fu prima di Facebook e Twitter, tanto da rendere il loro fondatore milionari. La piattaforma fu infatti venduta per una cifra pari a 125 milioni di dollari. È il 2003, nonostante tutto, che segna la vera svolta in questa storia dedicata ai social network, con la nascita di MySpace, tra i più importanti nel mondo, prima dell’arrivo di Mark Zuckenber e del suo Facebook.

Con il 2006 si vede anche lo schiudersi dell’uovo contenente l’uccellino blu cinguettante del web, Twitter, che ha segnato una vera e propria svolta nella “Social Media History”.

Oggi tra tutti questi nomi, quelli che risaltano alle cronache e che vengono frequentemente utilizzati sono, senza ombra di dubbio, Facebook, Twitter e Instagram.

Arrivando quindi a parlare delle novità e degli aggiornamenti di questa settimana, tra le più interessanti vi è l’introduzione nel social di Mark Zuckenberg della possibilità di utilizzare i profili Masquerade all’interno delle Facebook Live. In passato si era già parlato dell’acquisizione dell’applicazione russa da parte del colosso Facebook e con questo nuovo supporto, le Facebook live inizieranno ad avvicinarsi all’idea di SnapChat che già permette la possibilità di pubblicare dei video con l’aggiunta di filtri buffi e divertenti.
Sempre nel campo degli audiovisivi, l’azienda di Palo Alto ha annunciato, già da qualche giorno, il prossimo supporto alle reazioni per i video a 360° (da poco anche loro implementati nelle funzionalità del social network, insieme alle fotografie a 360°).

Per quanto riguarda Instagram invece è in arrivo nei prossimi mesi un pulsante che permetterà agli utenti di tradurre i contenuti dei post pubblicati in lingua diversa. Questo arriverà a semplificare notevolemente la users experience degli utenti che non dovranno più utilizzare applicazioni terze per le traduzioni di commenti e didascalie. Da aggiungere è anche il raggiungimento da parte di Instagram dei 500 milioni di utenti attivi al mese, di cui 300 milioni attivi quotidianamente.
Amy Cole manager per l’Europa ha dichiarato: “E’ incredibile pensare che in soli 5 anni e mezzo siamo cresciuti tanto da raggiungere il mezzo miliardo di persone. Il fatto che stiamo ancora crescendo così rapidamente è esaltante: la community è più che raddoppiata negli ultimi due anni e 300 milioni di persone utilizzano la piattaforma ogni giorno. Nel corso degli ultimi anni abbiamo introdotto nuovi strumenti e formati creativi, per aiutare i brand a ottenere risultati significativi. Sono oggi oltre 200.000 gli inserzionisti di ogni tipo e dimensione presenti sulla piattaforma“. Il traguardo raggiunto è stato annunciato dallo stesso Zuckenberg, da anni proprietario dell’applicazione, tramite un post di Facebook.

Infine, aggiungiamo la notizia riguardante l’accordo tra il Social, Telefono Azzurro e Telefono Amico Italia, per trovare soluzioni che possano prevenire suicidi e casi di autolesionismo. Il loro compito sarà quello di scandagliare la rete sociale alla ricerca di casi problematici per intervenire con celerità in caso di necessità.