scroll

Yahoo hackerato nel 2014

Silvia Risitano - 23 settembre 2016

Yahoo è stata violato: più di 500 milioni di account violati da cyber-criminali nel 2014. Sulle loro tracce anche l’FBI.

Yahoo, nota una società fornitrice di servizi internet rivolta al mondo business e consumer, fondata nel 1994 da David Filo e Jerry Yang, in seguito ad una indagine avviata lo scorso agosto, è riuscita a scoprire che attraverso un attacco informatico sono stati trafugate notizie da circa 500 milioni di account.

Ad effettuare l’attacco, risalente al 2014, sono stati quasi sicuramente, uno o più cybercriminali, che hanno trafugato non solo nomi ed indirizzi mail ma anche date di nascita, password hashed e, in alcuni casi, domande e risposte di sicurezza cifrate e non cifrate. Tuttavia l’azienda assicura agli utenti, i cui account sono stati violati, che non sono state prese le password in chiaro, numeri delle carte di credito e informazioni sugli account bancari.

Questo incidente, oltre ai dati rubati, ha portato gravi conseguenza anche per quanto riguarda la vendita effettuata con Verizon, che ha acquisito la società nei scorsi mesi per 4,83 miliardi di dollari. Verizon ha, infatti rilasciato nelle scorse ore, un comunicato stampa in cui dichiara che l’incidente è gli è stato notificato solamente due giorni fa. Sembra inoltre che l’incidente potrebbe portare delle conseguenze sull’accordo sottoscritto a fine luglio.

Sembra che quello accaduto a Yahoo sia il cyber-furto più importante mai avvenuto. Nonostante ciò, ancora non sono certe le vere conseguenze, per gli utenti che hanno subito il furto. Molte sono le domande, tra cui anche quelle sulla vera identità dell’autore, che potrebbe essere stato un attore sostenuto da uno Stato.L‘indagine non ha trovato prove che l’attore sostenuto da uno Stato sia attualmente nel network di Yahoo“, afferma la società.

La società statunitense per risolvere il problema ha inviato una mail a tutti gli utenti interessati. Al suo interno saranno indicati tutti i passi da seguire per cambiare la password e scegliere sistemi alternativi per la verifica dell’account. Inoltre Yahoo consiglia anche di modificare la password qualora questa risulti la stessa del 2014. Inoltre tutte le domande e risposte di sicurezza sono state resettate e consiglia anche di cambiare la password di altri account, se identica a quella usata su Yahoo. Per ovviare ad ulteriori danni futuri, per concludere, la società consiglia a tutti gli utenti che vi è, anche, la possibilità di utilizzare la Yahoo Account Key, un tool che elimina la necessità di inserire la password, in quanto la richiesta di accesso viene inviata sullo smartphone.