scroll

Digital in 2017

Silvia Risitano - 2 febbraio 2017

È stato pubblicato nei giorni scorsi il rapporto Digital in 2017, sul comportamento degli utenti italiani e mondiali nello scenario digital, riferito al 2016, con uno sguardo ai nuovi trend del 2017.

Il rapporto Digital in 2017 è stato sviluppato dall’agenzia digitale We are Social in collaborazione con Hootsuite. Sono stati presi in esame per lo sviluppo della ricerca, i rapporti pubblicati da GlobalWebIndex, GSMA Intelligence, Statista, Lo State of the internet di Akamai, Google, StatCounter e i Mobility Report di Ericsson, che hanno evidenziato la curva di cambiamento del mondo digitale e dell’utilizzo delle apparecchiature elettroniche da parte degli internauti italiani e mondiali, che ogni anno divengono sempre più importanti.

È infatti risultato che:

• più della metà della popolazione mondiale usa uno smartphone;
• quasi due terzi della popolazione mondiale possiede un telefono cellulare;
• più della metà del traffico internet è generato da telefoni;
• più della metà delle connessioni mobile avviene oggi su banda larga;
• più di una persona su cinque della popolazione mondiale ha effettuato almeno un acquisto online negli ultimi 30 giorni.

Insieme a questi dati, nel rapporto redatto da We are Social e Hootsuite, si è rilevato che in Italia vi è una crescita dell’utilizzo dei device smartphone, rispetto ai dispositivi desktop.

Se da un lato gli italiani scelgono di connettersi sempre di più da smartphone, dall’altro lato si ha il conseguente calo dell’utilizzo dei dispositivi desktop, quantificato in un – 14%. È infatti importate notare, in un’ottica di accrescimento digitale, che l’utilizzo di connessioni da smartphone è salito del 44%, del 8% da tablet e del 24% da altri dispositivi  (tra questi vengono anche considerate tutte le console che possono connettersi ad internet e anche le smart tv).

Da questi dati si evince quindi che il 63% degli italiani è comunque ancora legato ai dispositivi desktop (che come affermato sopra subiscono un forte calo), ma che tuttavia vi è un altro 31% degli utenti che utilizza dispositivi smartphone. In coda vi sono i tablet che rappresentano da soli un 6% della fetta utente digitale.

La crescita di dispositivi come smartphone e tablet, in Italia, è stata agevolata anche dalla grande espansione che negli ultimi anni hanno avuto i social network.

Dai dati estrapolati dal report dell’Agenzia We are Social e Hootsuite, è emerso che gli internauti italiani, navigano per lo più all’interno dei social network. Un esempio sono i dati di crescita di Messenger, che viene utilizzato dal 33% degli utenti che si connettono ad internet quotidianamente, o anche il crescente numero di contenuti multimediali che è possibile reperire con facilità

In un’altra recente ricerca di mercato, si è evidenziato che nei prossimi anni si assisterà ad un vero e proprio boom del video multimediale, cosa che già è possibile vedere nei trend del 2017 e che mostra già un aumento dal primo mese dell’anno.

Nel 2016, in Italia che già detto prime, si è assistito ad una notevole crescita dei servizi di messaggeria istantanea come WhatsApp e Messenger, che hanno aumentato la loro usabilità anche grazie all’introduzione dei ChatBot, che hanno rivoluzionato la comunicazione con le aziende.

Tutto ciò è ancor meglio evidenziato all’interno del rapporto Digital in 2017, è emerso infatti che i maggiori social media utilizzati in Italia sono parallelamente due social network e due servizi di messaggeria.

Nello specifico, circa il 57% degli utenti utilizza Youtube, il 55% Facebook, il 48% WhatsApp e il 33% Messenger.

A seguire invece troviamo Instagram e Twitter con rispettivamente il 28% e il 25%, Mentre SnapChat è in fondo alla classifica con il 10%, battuto anche dal quasi scomparso Google Plus che arriva a pari merito con Twitter (25%).

Infine l’ultimo dato da evidenziare riguarda invece gli e-commerce Anche queste piattaforme sono in forte crescita e in Italia si è registrata, una percentuale di popolazione che naviga su questi store online, pari al 30%, con un fatturato annuo pari a 10 miliardi di dollari, e una spesa minima (sempre annuale) ad utente di 500$.

Di seguito il rapporto completo, redatto da We are Social e Hootsuite.

Le immagini sono relative al rapporto dell’agenzia We are Social.