scroll

La crescita di Internet in Italia – Dati ComScore 2017

Silvia Risitano - 15 febbraio 2017

La crescita di internet in Italia, rispetto ai paesi maggiormente evoluti, è in costante ritardo. Da quanto emerso dai dati raccolti da ComScore si è potuto registrare una crescita che riguarda il settore del mobile.

I dati della suddetta ricerca sulla crescita di Internet in Italia sono riferiti all’anno 2016 e mettono in luce il ritardo del nostro paese sulla crescita digitale della popolazione. E’ da notare che circa il 65% della popolazione, ovvero un italiano su tre sopra i 18 anni, non accede alla rete nel corso del mese e la maggior fruizione delle connessioni internet avviene attraverso dispositivi mobile come Smartphone e Tablet, che sono i maggiori device utilizzati dalla popolazione più giovane.

In Italia, infatti, nel 2016 si è riscontrato uno spostamento della rete dai dispositivi desktop ai device mobili. Si è registrato un calo del 4% nell’utilizzo dei dispositivi desktop, con un notevole aumento del 12% dei dispositivi mobile, rimanendo tuttavia in un costante numero di utenti unici (circa 38 milioni).

Questa crescita si deve principalmente a tutti quegli utenti che accedono esclusivamente da mobile ad internet; questo incremento si è registrato come una costante in tutto il mondo digitalizzato, con percentuali maggiori in Spagna (crescita del 46%) e in Italia (crescita del 32%).

Da questi dati è importante inoltre notare che la stragrande maggioranza degli utenti più giovani passano gran parte della giornata sugli smartphone; discorso differente invece per quanto riguarda gli Stati Uniti e il Regno Unito, in cui il divario tra utenti desktop e mobile-only è nettamente minore rispetto a quello italiano.

Secondo la ricerca di ComScore, sulla crescita di Internet in Italia, l’aumento dell’utilizzo dei dispositivi mobile è dovuto soprattutto alla quantità di tempo che gli utenti vi trascorrono. E’ da segnalare quindi che nel mondo, ma principalmente in Italia, il 65% della popolazione trascorre circa 2 minuti su 3 online, circa 16 ore complessive al giorno.

Ma cosa fanno gli italiani durante queste 16 ore connessi nella rete?

Secondo la ricerca circa la metà del tempo lo spende sui social, utilizzando applicazioni di messaggistica come Facebook Messenger o anche WhatsApp, a differenza del globo che invece preferisce dedicare le sue ore al settore dell’Entertainment.

Quindi quali sono le principali applicazioni utilizzate dagli italiani quando si connettono su internet?

  1. 93% utilizza WhatsApp
  2. 90% utilizza Google Play
  3. 74% utilizza Google Search
  4. 73% utilizza Youtube
  5. 65% utilizza Facebook
  6. 59% utilizza Messenger
  7. 57% utilizza Google Maps
  8. 52% utilizza Google Calendar
  9. 51% utilizza Google Drive
  10. 36% utilizza Instagram
  11. 28% utilizza  Amazon Mobile
  12. 25% utilizza Google Plus

In questa particolare classifica è importante far notare come le maggiori property italiane sono Google e Facebook, seguiti da Amazon.

Inoltre chi usufruisce della rete Internet in Italia attraverso i dispositivi mobile trascorre gran parte del tempo sulle applicazioni e solamente in poche occasioni effettua delle operazioni di ricerca attraverso browser, tanto che è stato rilevato che circa il 34,2% degli utenti in Italia scarica almeno una nuova applicazione al mese.

Dalla ricerca è inoltre emerso che il traffico web e soprattutto quello mobile si è concentrato in determinate categorie di contenuti come la visualizzazione dei video online e lo streaming audio.

E’ infatti da notare come nei paesi digitalizzati tutti gli utenti che navigano tramite desktop visualizzano almeno un video online; medesimo discorso può essere fatto anche per gli utenti mobile, con un trend in forte crescita,visto che si è registrata un incremento dell’11%, passando dagli 11 milioni di utenti mobile che hanno dichiarato di guardare almeno un video in streaming del 2015 ai 18 milioni del 2016. Questi dati in forte crescita sono molto importanti anche per capire a pieno le percentuali di variazione nella frequenza di visione video su mobile, poiché il 34% della popolazione italiana ha dichiarato di guardare almeno un video online ogni giorno, tanto da far pensare ad un possibile ampliamento del settore Entertainment all’interno di questi dispositivi.

Se in Italia si è riscontrato un forte ritardo nella digitalizzazione delle masse è tuttavia importante non sottovalutare i dati che riportano l’Italia come il paese con la più alta concentrazione al mondo di telefoni cellulari e smartphone.