scroll

Un anno di Facebook Live

Silvia Risitano - 7 aprile 2017

È passato un anno dall’introduzione delle Facebook Live. È attraverso una “diretta” che Mark Zuckerberg scelse di presentare questo nuovo servizio. Ma come si è evoluta questa funzionalità negli ultimi 12 mesi?

A distanza di un anno,  l’introduzione delle Facebook Live stupisce ancora. In un solo anno di vita sono moltissime le implementazioni che sono state fornite agli utenti di FacebookLe Facebook Live sono sicuramente una delle scommesse più ambiziose e incerte del patron di Facebook, che lo hanno portato ad investire grandi risorse ed avere grandi aspettative.

Ma cosa sono le Facebook Live?

Questa funzionalità consente di poter registrare dei video in diretta e condividerli in contemporanea sul proprio profilo social. Con il passare dei mesi sono state aggiunte moltissime implementazioni che hanno portato sempre più persone ad utilizzare questo nuovo strumento. Dagli ultimi dati di Global Index, 1 persona su 5 utilizza questo servizio, principalmente di una età compresa tra i 25 e i 35 anni. In totale, è stato rilevato che più di due milioni di persone ogni mese, utilizzano le Facebook Live.

L’idea nacque dalle esigenze di mercato e da indagini statistiche svolte dai manager del social network. Era stato  rilevato infatti  che il 70 % del pubblico era costituito da utenti giovani e che la maggior parte dei “live” erano realizzate all’interno delle aule di scuola. Soprattutto, emerse che i giovani cominciavano ad interessarsi ad un nuovo social network, SnapChat, lasciando sempre più inutilizzato il loro profilo Facebook. Tutto ciò era dovuto alla possibilità che di realizzare video in diretta.

Da qui nacquero le Facebook Live spinte dalle capacità manageriali di Mark Zuckerberg che non volle perdere una parte importante dei propri utenti. L’appetibilità di questa nuova funzione è stata testata attraverso una campagna marketing. Facebook ha sfruttato la visibilità di alcuni influencer dello show business, dandogli la possibilità di avere questa nuova funzionalità in esclusiva sui propri profili. Ciò ha permesso di poter arrivare ad un vasto pubblico in poco tempo e verificare le aspettative degli utenti.

Quali sono le caratteristiche aggiunte all’interno delle Facebook Live, nel corso di questo ultimo anno?

Tra le prime caratteristiche delle Facebook Live vi è, senza dubbio, la possibilità di lasciare delle reaction, ovvero delle reazioni come Like, Love, Hungry, ecc…

Inizialmente questa funzionalità era in esclusiva solamente per la piattaforma mobile,  ma alcuni mesi dopo, è stata introdotta anche la possibilità di effettuare delle dirette anche da desktop.Ed è soprattutto dall’introduzione di questa caratteristica che le “dirette” hanno riscosso sempre più successo. Le testate giornalistiche hanno iniziato a sfruttare subito questa piattaforma per trasmettere servizi esclusivi, accessibili solamente dal social network.

Lo scorso dicembre infine è stata inserita una nuova tipologia di streaming con il quale, Facebook, si è dotato di un’importante novità. Sono state introdotte le dirette a 360°.

Con questa nuova tipologia di streaming gli utenti possono così condividere con il proprio pubblico contenuti sempre più coinvolgenti e accattivanti.

Infine è da citare anche la recente introduzione dei podcast. La funzione è stata offerta inizialmente solamente agli editori. Tra i primi utilizzatori figurano: Harper Collins, Lbc e gli autori Adam Grant e Brit Bennett. Con i live audio, si potrà condividere contenuti di sole parole audio, senza l’utilizzo dei video.

In quale modo sono state utilizzate le Facebook Live in modo vincente?

Il successo di questa tecnologia ideata da Mark Zuckerberg si deve soprattutto alla possibilità di interagire direttamente con il proprio bacino d’utenza. In questo modo i publisher hanno la possibilità di creare dei contenuti freschi e accattivanti andando al di là delle classiche fotografie, grafiche o video pre registrati.

Molti sono gli esempi di utilizzo delle Facebook Live in modo vincente. Tra queste, segnaliamo il caso di TechCrunch, testata leader nel campo della tecnologia. Il COO della società, Ned Desmond, in una recente intervista rilasciata a Streaming Media ha dichiarato di essere totalmente favorevole all’ascesa delle “live” che avvicinano sempre di più i consumatori ai brand.

Grazie all’utilizzo delle Facebook Live, TechCrunch ha potuto analizzare come il pubblico preferisca queste pubblicazioni, arrivando a triplicare il tempo di visualizzazione dei video.

Continuando nell’intervista, Ned Desmond, afferma, che grazie alla possibilità di girare video “in diretta”, è aumentata la sensibilità del pubblico verso avvenimenti di cronaca, che molto spesso vengono trasmessi attraverso le Facebook Live.

L’utilizzo delle Facebook Live, per quanto riguarda il caso di TechCrunch, si è rivelato proficuo poiché l’audience (che in alcuni casi ha toccato i 9,000 viewers), non si è limitata a visitare solamente la pagina di pubblicazione, ma ha aumentato la portata di visibilità delle altre piattaforme legate alla testata.

Un anno di Facebook Live

Altro esempio di utilizzo delle Facebook Live in modo vincente è quello della DJI. La società asiatica ha scelto di utilizzare questa tecnologia per il lancio dei nuovi Mavic, i droni ad uso “domestico”.

La diretta streaming è stata effettuata inoltre su più portali contemporaneamente: quello della Teradek T-Ra, della Fleet Management, e anche le varie pagine di proprietà della DJI.

DJI ha scelto di trasmettere, il lancio dei nuovi Mavic attraverso le Facebook Live, perché questo gli avrebbe offerto la possibilità di raggiungere il più vasto numero di persone (targettizzate) contemporaneamente. Il risultato ha superato le aspettative, arrivando a segnare migliaia di spettatori connessi, sulle varie pagine.

un anno di facebook live
Un Anno di Facebook Live